Dress Code da Matrimonio – l’incubo o la gioia di una donna

La nostra migliore amica si sposa, oppure un amico, la cugina, il cugino, amici del  fidanzato o marito. Insomma, un invito a nozze è arrivato a tutte noi e spesso ci siamo trovate davanti al dubbio amletico per eccellenza: “Cosa indosso?” Purtroppo, quando si sceglie un outfit da  cerimonia, spesso si incappa nel cattivo gusto o di essere decisamente troppo eccentriche. Personalmente, e non essendomi ancora sposata, sono stata testimone di abbinamenti da circo – tipo Moira Orfei – (con tutto il rispetto per una donna che è riuscita a creare un personaggio amato con la sua  particolarità) e da un uso spropositato di quelli che, in teoria, dovrebbero migliorare e abbellire il nostro abito, ovvero gli accessori. Iniziamo dal primo punto dalla quale non si può sviare: il bianco e il nero sono off limits! Il primo è bandito dalla gamma di colori a nostra disposizione in quanto, per la maggior parte dei casi, è il colore della sposa e, visto che il giorno del matrimonio è il giorno della sposa, lei è al centro dell’attenzione e non noi. Il secondo, ovvero il nero tanto amato da noi donne, rappresenta il colore del lutto e, essendo il matrimonio un giorno di festa, il Bon Ton ci vieta questo meraviglioso colore passepartout che spesso ci risolve la maggior parte delle nostre serate. Bisogna tenere in considerazione un altro punto fondamentale per la scelta del look: l’orario della cerimonia e se sarà celebrata con rito civile o religioso.  Partiamo dal pimo punto: se la cerimonia si terrà al mattino alle undici e in chiesa, sono banditi outfit da cubista, mangiatrice di uomini, modella di Victoria’s Secret prima della sfilata e cose del genere. La scelta, a parere mio, dovrebbe ricadere in qualcosa di sobrio, elegante e lineare, magari abbellito con borsa, cintura, occhiali ecc,  dando il tocco finale con scarpe e pochette e ricondando che le spalle e la schiena devono essere rigorosamente coperte. Per la gamma di colori da utilizzare non ci sono regole, a parte quelli sopra citati, a meno che il party non sia a tema e quindi dobbiamo seguire le indicazioni dateci dagli sposi. Altro paio di maniche è se la cerimonia  è celebrata nel tardo pomeriggio o alla sera. Restando fedele al fatto che, in entrambi i casi dobbiamo ricordarci di partecipare ad un matrimonio e non alla festa di carnevale,  possiamo sbizzarrirci un pò di più. Alla sera sono ampiamente promossi gli abiti lunghi, magari adornati con un sandalo gioiello e pochette scintillante, sempre se non siamo alte un metro e cinquanta o un pò in carne. Il classico tubino alla Audry Hepburn, molto Bon Ton, spesso ci salva dal rischio si apparire la damigella d’onore, ove non lo fossimo, o di aver scambiato il matrimonio di nostra cugina per quello di William e Kate. Insomma, riassumendo il tutto, credo che il miglior outfit da indossare a un matrimonio vada costruito su ognuna di noi, restando fedele alle poche regole da rispettare. In base alla nostra corporatura, alla nostra altezza e al nostro budget di spesa, dobbiamo solo ricordarci di valorizzarci, mettendo in risalto i nostri punti di forza e mascherando i nostri difetti (nessuna di noi è perfetta come Bianca Balti tre giorni dopo al parto).

cfb_258052

See you soon :*

Lady Bello

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...